Red Days: appuntamento a Monteroni con la raccolta dei melograni

Venerdì 12, sabato 13 e domenica 14, si passeggia tra i melograni: questo è l’ obiettivo dei Red days.
La manifestazione, promossa da un giovane gruppo di imprenditori agricoli salentini, guidati da Daniele De Pascalis e Adam Cairo, si svolgerà negli spazi del melograneto Martino a Monteroni di Lecce nei pressi dell’incrocio per Porto Cesareo (tra la falegnameria Barba e la Cantina Due Palme).
Tre giorni per immergersi nell’attività agricola, apprezzandone i profumi e le tante emozioni generate lavorando tra le centinaia di piante di melograno, coltivate con cura ed attenzione dalla giovane compagine salentina.

Il melograno è originario dell’Asia sud–occidentale ed appartiene alla famiglia delle Punicaceae (o Lythraceae secondo la classificazione Apg) e al genere Punica, originario di una regione geografica che va dall’Iran alla zona himalayana dell’India settentrionale.
E’ presente sin dall’antichità nel Caucaso e nell’intera macchia mediterranea. La pianta ha una forte tendenza a produrre polloni radicali ed a costituire una boscaglia fitta. Può raggiungere i 5-6 metri di altezza e vivere anche oltre 100 anni.
Il frutto (melagrana o granata) è una bacca (detta Balausta) di consistenza molto robusta, con buccia molto dura e coriacea, con forma rotonda o leggermente allungata, che reca in posizione apicale (opposta al picciolo) una caratteristica corona a quattro-cinque pezzi, che sono residui del calice fiorale. Il frutto matura a ottobre-novembre, a seconda delle varietà.
Il melograno è una pianta resistente all’arido estivo ed alle temperature invernali tipiche del Mediterraneo; in tali condizioni è straordinariamente resistente ad ogni tipo di malattia.
Una produzione mediorientale che ha messo le sue radici anche nel Salento, grazie a dei lungimiranti imprenditori che ne stanno apprezzando le peculiarità.

“L’agricoltura è un’arte antica, capace di regalare emozioni intense -afferma Adam Cairo– Produrre melograni permette di dar vita ad una cultura alternativa ma al tempo stesso molto importante per l’ alimentazione, grazie alle sue proprietà organolettiche. Un prodotto sempre più utilizzato, grazie a nuove cultivar, con prodotti disponibili da fine agosto fino ad aprile, con peculiarità benefiche che rendono questo frutto di grande importanza e rilevanza. Un mondo da scoprire e da vivere”.
“Dal marketing al settore agricolo sempre con la stessa determinazione e lo stesso impegno -aggiunge Daniele De Pascalis– La coltivazione dei melograni mi ha coinvolto immediatamente portandomi ad innovare il mio percorso professionale. Abbiamo iniziato ad allestire con Adam questo campo che oggi, con impegno e lungimiranza, inizia a regalare i suoi frutti: diverse le varietà coltivate, che ci stanno permettendo di riscoprire il mondo agricolo, dando vita a coltivazioni di qualità, con un mercato molto interessato grazie ai tanti utilizzi del melograno. Sono oltre otto anni che seguo questo progetto, al fianco della famiglia Cairo. Con impegno e passione siamo riusciti a dar vita a questa coltivazione che in occasione dei Red Days verrà aperta al pubblico per un evento diretto a diffondere le peculiarità uniche di questa pianta. Tre giorni dedicati alle scuole, ai turisti, agli appassionati ed a quanti vorranno toccare con mano questo fantastico universo”.
Nel corso della manifestazione sarà possibile, muniti di forbice, guanti e secchio, passeggiare tra i filari, dedicandosi alla raccolta dei melograni, sempre guidati dal personale aziendale.

c.d.g
Fonte Salento In Tasca

Video realizzato da Francesco Spedicato

2019-04-04T10:43:30+00:00